Cosa succede e cosa fare quando la chirurgia plastica va male in Corea

Sempre più cittadini cinesi cercano un intervento di chirurgia plastica in Corea del Sud, ma aumentano anche i reclami

st Chirurgia plastica cittadini cinesi in Corea del Sud.jpg



Un paziente (all'estrema sinistra) che incontra un consulente (al centro) e un traduttore presso BK Plastic Surgery a Seoul. Il ministero della Salute della Corea del Sud ha detto che l'anno scorso sono arrivati ​​dalla Cina 79.481 turisti medici e la chirurgia plastica è il servizio più richiesto. Sulla base dei dati dell'industria cinese, lo scorso anno 56.000 cittadini cinesi si sono recati in Corea del Sud per modificare il proprio aspetto, rispetto ai 25.400 del 2013. Immagine: Bloomberg



La vita di Chen Yili, residente a Shenzhen, non è più stata la stessa da quando ha riposto la sua fiducia in un chirurgo plastico sudcoreano cinque anni fa.

Non sono solo il naso storto e l'intorpidimento del viso a ricordare dolorosi di un intervento chirurgico fallito: il 33enne ora prende fino a una dozzina di pillole al giorno per la depressione grave.



È solo una delle migliaia di cinesi che visitano la Corea del Sud ogni anno sperando di migliorare il proprio aspetto. Ma con l'aumentare di questi numeri, aumentano anche le denunce di operazioni fallite, intermediari poco affidabili e medici ombra.

st chirurgia plastica chen yili.jpg

L'operazione fallita della signora Chen Yili in Corea del Sud ha provocato il naso storto, intorpidimento del viso e grave depressione. Immagine: Esther Teo



La signora Jin Weikun, 27 anni, della provincia di Shanxi, ha subito un intervento chirurgico di aumento del seno e altre 12 operazioni a Seoul lo scorso anno per rimodellare il suo viso, solo per rimanere con naso, guance e mento sbilenchi, a sventolare i suoi sogni di carriera di attrice.

Zhou Jun, 44 anni, nativa di Pechino, ha subito una procedura alla mascella nel 2013 per correggere il suo overbite, ma si è ritrovata con i denti disallineati. Ora indossa una maschera per il viso. L'elenco potrebbe continuare.

Il ministero della Salute della Corea del Sud ha detto che l'anno scorso sono arrivati ​​dalla Cina 79.481 turisti medici e la chirurgia plastica è il servizio più richiesto. Secondo i dati dell'industria cinese, sono andati 56.000 cinesi Corea del Sud per modificare il loro aspetto lo scorso anno, rispetto ai 25.400 del 2013.

Anche il numero di operazioni fallite e controversie tra cittadini cinesi e cliniche sudcoreane è in aumento, fino al 15% all'anno, afferma l'Associazione cinese di plastica ed estetica (Capa). Non sono state fornite cifre esatte, ma secondo quanto riferito, centinaia di vittime hanno avviato un gruppo di supporto online per evidenziare i loro problemi.

Più di 266.000 turisti medici - la chirurgia plastica non è specificata - hanno visitato la Corea del Sud lo scorso anno, una cifra che il paese spera di aumentare fino a un milione entro il 2020. I cinesi costituiscono il gruppo più numeroso con circa il 30%, seguiti da americani, russi e Giapponese. Tra le nazioni del sud-est asiatico, i numeri maggiori provengono dal Vietnam e dalle Filippine. Nelle cifre più recenti di Singapore, non è chiaro quanti dei 1.211 cittadini che si sono recati in Corea del Sud come turisti medici nel 2013 sperassero in un aspetto migliore.

Per proteggere meglio i turisti sanitari e un'industria in forte espansione con ricavi che salgono a 560 miliardi di won (672 milioni di dollari), il governo di Seoul ha agito negli ultimi mesi per reprimere le attività illegali e garantire standard più elevati.

A maggio, le autorità hanno incriminato 11 mediatori sanitari illegali con l'accusa di aver violato le leggi mediche e hanno vietato ad altri 150 di lasciare il paese. La maggior parte erano cittadini cinesi o cinesi coreani. Avevano intascato fino al 90% delle tasse come commissione, hanno riferito i media. La signora Chen, ad esempio, è stata presentata alla clinica in Corea da un socio in affari. Ha sborsato 165.000 yuan (36.000 S $) per operazioni alla mascella, alle labbra e al naso e in seguito ha scoperto che il prezzo era quasi 10 volte quello pagato dai pazienti locali.

La clinica era vicino a negozi di fascia alta. Era molto grande e sembrava gestito professionalmente, ecco perché ero convinta di avere un intervento chirurgico lì, ha detto. In seguito ho scoperto che il mio amico ha preso una commissione enorme dalla clinica. Ma da quando sono stato operato non sono più riuscito a contattarla.

Corea del Sud Da allora il Ministero della Salute ha introdotto una piattaforma per segnalare i broker illegali sul sito web ufficiale del turismo medico Medicalkorea.or.kr e ha aggiunto un nuovo elenco di costi stimati delle procedure popolari nel tentativo di prevenire il sovraccarico.

Un nuovo regime assicurativo per i turisti sanitari che copre fino a 50 milioni di won per lesioni, morte e disturbi da stress è stato lanciato dall'Organizzazione del Turismo della Corea ad aprile. Il governo ha anche imposto una nuova regola secondo cui solo i chirurghi plastici certificati dal consiglio - circa 2.200 di loro - possono operare su stranieri, anche se le leggi attuali consentono a tutti i medici (compresi i medici di base) di eseguire interventi di chirurgia plastica nel Paese. Coloro che sono stati trovati a trattare gli stranieri illegalmente potrebbero rischiare la prigione.

I chirurghi plastici certificati applaudono le mosse. Il dottor Park Sang Hyeon, dell'Associazione coreana dei chirurghi plastici (Kaps), afferma di aver affrontato un'intensa concorrenza da parte di medici non specialisti, responsabili di circa il 70-80% dei chirurgia plastica incidenti collegati.

La concorrenza è rigida in questo settore e medici generici senza esperienza stanno abbassando i prezzi per attirare i clienti, ha detto. Non possiamo impedire loro di fare interventi di chirurgia plastica, ma la nostra associazione sta facendo la nostra parte per gestire la nostra base di membri in modo da avere un maggiore controllo sulle loro attività.

Kaps sta anche preparando un manuale del protocollo di sicurezza e ci sono piani per installare telecamere di sicurezza nelle sale operatorie per scoraggiare l'uso di medici ombra - giovani medici o stagisti che prendono il posto di chirurghi più anziani.

La Cina sta anche adottando misure per proteggere meglio i suoi cittadini, con Capa, sotto la Commissione nazionale per la salute e la pianificazione familiare, che ad aprile ha raggiunto un accordo con la Corea del Sud per creare congiuntamente una piattaforma di accreditamento delle qualifiche per i chirurghi plastici del paese.

Se un chirurgo coreano è certificato può essere verificato sul sito web di Kaps prskorea.co.kr, che ha una versione cinese. Un elenco delle cliniche certificate dal consiglio è anche sul sito Web di Medicalkorea, che offre informazioni in cinque lingue.

La signora Jin ha imparato a sue spese che avrebbe dovuto fare ricerche più approfondite. Aveva fatto domanda per far parte di un programma televisivo sudcoreano in associazione con un'emittente televisiva di Shanghai, ma dopo l'intervento ha scoperto che lo spettacolo non esisteva.

Mi sentivo come un soggetto di test di laboratorio su cui i dottori si stavano esercitando, come un pezzo degli scacchi manipolato, ha detto.

Il chirurgo plastico con sede a Pechino Li Jing ha affermato di aver visto un leggero aumento di pazienti cinesi che tornano dalla Corea che necessitano di un intervento chirurgico di riparazione negli ultimi anni.

uomo e uomo che fanno l'amore a letto

Ma non possiamo dire che tutte le cliniche coreane siano cattive. Ce ne sono molti con operazioni di successo, ha detto.

I pazienti stranieri possono chiedere aiuto ad agenzie statali come la Korea Medical Dispute Mediation and Arbitration Agency. Il loro aiuto sarà accolto con favore dalla sig.ra Zhou, i cui tentativi di ottenere le cartelle cliniche dei suoi pazienti sono stati ostacolati dalla clinica. Se riesco a convincere anche una sola persona a riconsiderare la possibilità di sottoporsi a un intervento chirurgico dopo aver condiviso la mia storia, ne vale la pena, ha aggiunto. Tutto quello che voglio ora è un viso dall'aspetto naturale. Penso che sia la più bella.

Questa storia è stata pubblicata per la prima volta su The Straits Times il 15 luglio 2015. Per storie simili, vai a www.sph.straitstimes.com/asia .

Interessato a leggere di più sulla chirurgia estetica? Scopri di più su le donne e l'attività di chirurgia plastica .